Vai ai contenuti
Virtual Museum of Canada
Visione della Croce

Gesù, il poeta dello spirito

"L'elemento davvero divino [in Gesù] è la gloriosa chiarezza che assunse nella sua anima la grande idea che era venuto a mostrare, e cioè che tutto ciò che è finito necessita di una più alta mediazione per essere in accordo alla Deità e che per l'uomo soggetto al finito e al particolare, e troppo disposto ad immaginarsi persino il divino in questa forma, la salvezza è da rintracciarsi soltanto nella redenzione."
Friedrich Schleiermacher, Sulla religione: discorsi ai suoi colti detrattori

Nei secoli XVIII e XIX, artisti e filosofi europei cercarono di liberare Gesù dalla prigione della ragione nella quale i pensatori illuministi l'avevano rinchiuso. I romantici videro Gesù non come modello razionale ma come immagine archetipa dell'artista, un essere, cioè, che ha integrato in modo organico la propria psiche ed il proprio spirito in tutti gli aspetti, al fine di toccare il fondo della realtà. Gesù diventa il luogo privilegiato del rapporto vitale tra uomo e natura, soggetto ed oggetto, mente consapevole ed intuizione inconscia. Questo Gesù era la creatività trascendente che univa tutti i vari fili dell'anima umana, la musa che ispirò poeti e pittori, l'impulso artistico fatto carne.

Tema di navigazione

© Canadian Heritage Information Network 1999. Tutti i diritti riservati
Data ultima modifica: 1999-12-31

Home | Mappa del sito | Ringraziamenti | Copyright | Commenti